home
Una task force per prevenire le Infezioni in Ospedale. Community, Network, Tools

Analizzare il fenomeno delle ICA (infezioni correlate all’Assistenza)

Le infezioni correlate all’assistenza (ICA) sono infezioni acquisite in ambito sanitario e costituiscono la complicanza più frequente e grave dell’assistenza sanitaria e possono verificarsi in ogni ambito assistenziale.

Le cause delle ICA sono molteplici:

  • l’uso prolungato di dispositivi medici invasivi e gli interventi chirurgici complessi
  • l’indebolimento del sistema di difesa dell’organismo (immunosoppressione) o gravi patologie concomitanti
  • la scarsa applicazione di misure di igiene ambientale e di prevenzione e controllo delle infezioni in ambito assistenziale
  • l’emergenza di ceppi batterici resistenti agli antibiotici, dovuta soprattutto all’uso scorretto o eccessivo di questi farmaci.

Proprio per approfondire i temi e le azioni da mettere in campo per contrastare le infezioni correlate all’assistenza  Il 24 settembre scorso si è tenuto un web congress organizzato dalla Fondazione Policlinico Universitario “Agostino Gemelli”.

Diversi studi scientifici infatti hanno evidenziato che una migliore sorveglianza, accorte misure di sanificazione degli ospedali e una campagna di educazione alla prevenzione, possono mitigare il fenomeno delle ICA. Le attività di prevenzione, prime fra tutte quelle legate alla sanificazione ambientale degli ospedali e quelle comportamentali come il lavaggio delle mani, diventano quindi centrali nella lotta alla riduzione del rischio infettivo.

Secondo il primo rapporto globale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, le ICA provocano un prolungamento della durata di degenza, disabilità a lungo termine, aumento della resistenza dei microrganismi agli antibiotici, un carico economico aggiuntivo per i sistemi sanitari e per i pazienti e le loro famiglie e una significativa mortalità in eccesso. Provocando quindi con un impatto clinico ed economico di costi diretti e di costi indotti piuttosto rilevante:

Ogni anno in Europa, le ICA provocano:

  • 16 milioni di giornate aggiuntive di degenza
  • 37.000 decessi attribuibili
  • 110.000 decessi per i quali l’infezione rappresenta una concausa.

I soli costi diretti (quelli sostenuti dalle strutture ospedaliere per la cura) vengono stimati in approssimativamente 7 miliardi di Euro.

Le ICA sono un fenomeno frequente

Lo  Studio di prevalenza europeo su infezioni correlate all’assistenza e uso di antibiotici negli ospedali per acuti – rapporto nazionale,  condotto utilizzando il protocollo dell’ECDC, si rileva una frequenza di pazienti con una infezione contratta durante la degenza pari a 6,3 ogni 100 pazienti presenti in ospedale; nell’assistenza domiciliare 1 paziente ogni 100 contrae una ICA.
Non tutte le ICA sono prevenibili, ma si stima attualmente che possa esserlo una quota superiore al 50%.
La maggior parte delle ICA interessa il tratto urinario, l’apparato respiratorio, le ferite chirurgiche, le infezioni sistemiche (sepsi, batteriemie). Le più frequenti sono le infezioni urinarie, che da sole rappresentano il 35-40% di tutte le infezioni ospedaliere.

 

keyboard_arrow_up